in

Una coppia ha chiamato i suoi 11 figli con nomi composti dalle stesse quattro lettere

E aspettano il figlio numero 12

detox

La scelta del nome per il proprio figlio a volte può rivelarsi molto difficile, c’è chi si fa prendere dalla passione per i nomi strani, originali, o stranieri. Chi invece si mantiene sul classico; ma quello che ha fatto una famiglia belga è incredibile.

Un’insolita tradizione

Gwenny Blanckaert e Marino Vaneeno hanno una famiglia numerosa, ben 11 figli, e sono in attesa del 12esimo ma non è questo a stupire; la cosa che fa sorridere è la scelta dei nomi per la loro prole: tutti sono formati unicamente dalle lettere A, E, L e X. In pratica i loro ragazzi si chiamano: Alex il maggiore di 13 anni, poi ci sono Axel di 12, Xela di 11, Lexa di 10, Xael di 9, Xeal di 8, Exla di 5, Leax di4, Xale di 2, Elax di 1 e infine Alxe di 6 mesi. L’insolita scelta è stata da loro così spiegata al Sun:

detoxing

Abbiamo chiamato il nostro figlio maggiore come il patrigno di Marino perché abbiamo pensato che fosse un bel nome e poi abbiamo chiamato il nostro secondo figlio Axel. Ci siamo resi conto che erano le stesse lettere, quindi abbiamo deciso di continuare così.

Gwenny ha aggiunto:

Il prossimo sarà un maschio. Questo porterà il punteggio finale a 7-5. Sette ragazze e cinque ragazzi. Sin dall’inizio avevamo fissato l’asticella a dodici. E ci atterremo a questo. Il giorno in cui ci siederemo a tavola con dodici bambini, la nostra famiglia sarà completa.

Le varianti possibili

Siamo molto curiosi di sapere come si chiamerà il prossimo e se sia possibile continuare questa insolita tradizione. A quanto pare è così; sembra infatti che queste quattro lettere consentono la formazione di ben 24 nomi diversi, il che significa che a Gwenny e Marino restano hanno ancora 13 varianti tra cui scegliere.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Una bimba di sei mesi è stata soffocata all’asilo perché piangeva troppo

Dopo un incontro sul ring il cellulare del campione non riconosce più il suo viso