in

Un viaggio notturno all’interno di un inquietante ospedale abbandonato

Il video mostra tutto ciò che è stato lasciato quasi all’improvviso

detox

Halloween si avvicina, e per gli appassionati del paranormale cosa c’è di più interessante che andare alla scoperta di vecchi edifici abbandonati? Soprattutto quando sono stati luoghi di sofferenza e tormento come manicomi, carceri o ospedali.

Come l’ultimo sopravvissuto

Su un canale YouTube che raccoglie tali video, Abandoned Nashville, è stato recentemente caricato il viaggio del creatore del canale, Jeremy, in un inquietante ospedale abbandonato. La sua impresa è stata paragonata a quello che spesso vediamo nei film di zombie, dove uno dei sopravvissuti si risveglia in un luogo deserto e va alla ricerca di forme di vita.

detoxing

Nel video Jeremy mostra un ospedale abbandonato nei primi anni 2000 e lasciato pressoché intatto, con lettini, apparecchiature mediche, cartelle cliniche e persino fiale di sangue e materiale biologico vario.

In una delle sale la scritta rossa Non andartene! spicca su un muro quasi a invocare un aiuto da qualcuno, e l’atmosfera in tutti i luoghi bui e spettrali è veramente inquietante.

Tutto è rimasto intatto

Qualche utente ha chiesto a Jeremy come si fosse sentito a vagare tutto solo in quel luogo pauroso, di notte, e se abbia avvertito qualche presenza; l’uomo ha risposto:

Questo ospedale è sigillato con assi e barricate sopra le finestre e tutte le porte incatenate. Stavo attraversando una delle stanze quando in fondo al corridoio, una porta ha sbattuto dal nulla e mi ha spaventato a morte. Ero convinto che ci fosse qualcun altro nell’edificio e mi sono nascosto per un po’ nel buio pesto. Dopo non è successo niente e alla fine ho continuato a filmare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jeremy (@abandonednashville)

Quello che è incredibile è il fatto che tutte le apparecchiature, i macchinari, i computer, siano stati abbandonati quando sarebbero potuti essere utilizzati in altri ospedali. Per non parlare dei rifiuti biologici e di tutte le documentazioni e perfino delle foto rimaste, a dispetto della privacy.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Quattro turisti trovati morti nella sauna di un grande albergo

Dipendente di un fast food si filma mentre contamina gli alimenti destinati ai clienti