in

Sembra una medusa ma non lo è, e il suo veleno può uccidere

La Caravella Portoghese avvistata anche sulle coste italiane

detox

Che il mare, nella sua immensità, contenga specie ancora sconosciute è oramai risaputo, ma sapete che tra quelle note ce ne sono molte velenose e addirittura letali per l’uomo?

Come quella che somiglia ad una medusa, trovata su una spiaggia britannica recentemente, le cui immagini hanno fatto il giro dei social.

detoxing

Lo strano animale

Conosciuta come Caravella portoghese, questo animale marino è simile ad una medusa ma non è della stessa famiglia, è infatti un Sifonoforo, e sebbene sembri un unico esemplare in realtà è formato da un insieme di microrganismi che si uniscono e si intrecciano creando una nuova forma, sotto una sorta di ombrello a forma di vela, appunto.

Come detto un uomo di recente ne ha avvistata una sulla spiaggia di Ainsdale nel Merseyside; Karl Lee ha commentato al Liverpool Echo:

Era molto strano. All’inizio ho pensato che fosse un palloncino fino a quando non ho dato un’occhiata più da vicino e l’ho identificato usando un’app e ho capito cosa fosse e quanto fosse pericoloso.

Su Oceana leggiamo:

Usa i suoi tentacoli di alimentazione per pungere e paralizzare piccoli pesci, crostacei pelagici e altri invertebrati. I tentacoli di alimentazione possono essere lunghi fino a 160 piedi (50 m) in alcuni individui! Questi tentacoli forniscono un potente pungiglione e sono anche usati per difendersi dalla predazione.

Potenzialmente mortale

Questo pericoloso animale vive in acque calde, ma qualche esemplare si è spinto fino alle nostre coste, sebbene non abbia proliferato; tuttavia qualche anno fa in Sardegna una donna è morta in seguito ad una sua puntura.

Il professor Ferdinando Boero, capo del progetto di avvistamento Occhio alla medusa all’epoca commentò su Repubblica:

 Il corpo dell’ animale non è molto grande ma i tentacoli possono essere lunghi oltre 20 metri. Punge in un solo punto con un lungo tentacolo. Se la medusa è robusta, e se la puntura si verifica mentre l’ animale sta pescando, i sintomi in chi ne è vittima sono molto forti, simili a quelli di una scarica elettrica, e il segno che rimane è come quello di un ferro rovente appoggiato sulla pelle.

Non sempre causano morte negli esseri umani, ma meglio starne alla larga poiché il loro veleno può provocare shock anafilattico.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mike Tyson e i rospi allucinogeni. L’ultima bravata dell’ex pugile

Dopo naso e orecchie, si fa tagliare due dita della mano per sembrare un alieno