in

Porta il suo fidanzato a casa e la mamma ci prova con lui

E altre esperienze disastrose durante le festività

detox

Il Natale si avvicina ma non tutti sentono lo spirito natalizio gioioso che in genere accompagna questo periodo. Natale vuol dire anche soldi spesi per i regali, facce sorridenti anche quando non se ne ha voglia e soprattutto interminabili riunioni di famiglia quando vorremmo fuggire in un altro continente. Così il sito Mumsnet ha raccolto le esperienze peggiori durante pranzi e cene di Natale, e alcune sono esilaranti.

Le esperienze

Un’utente per esempio ha scritto:

detoxing

Ho invitato mia madre e il suo fidanzato al primo Natale con il mio partner di allora. Ha flirtato con il mio ragazzo per tutto il giorno mentre diventava progressivamente più ubriaca e ha iniziato a parlare di rapporti intimi. Ha detto al mio compagno, quando non ero nella stanza, che ero noiosa e che anche a letto dovevo essere noiosa. Poi è arrivata ad affermare che avrebbe dovuto fargli visita e lei gli avrebbe insegnato alcuni ‘trucchi’ che non avrebbe mai vissuto con me.

Spaventoso, ma c’è altro, sempre in tema mammina cara:

Anni fa, la mamma aveva i postumi della sbornia della vigilia e il giorno di Natale ha vomitato nel corridoio e poi ci ha detto di continuare a mangiare.. l’odore del vomito era disgustoso e no, non abbiamo continuato a mangiare!

I giochi rilassanti

Spesso per passare il tempo tra l’abbuffata del pranzo e quella della cena ci si intrattiene con qualche gioco da tavolo ( mangiando una fetta di panettone, ovvio) che può essere la tombola ma non solo. Anche questo può essere motivo di discussione però; non ci credete? I racconti continuano:

Ho avuto un enorme litigio da ubriaco con mio fratello il giorno di Natale per una partita a Trivial Pursuit, poi sono uscito di casa ruggendo. Seduto su una roccia ho urlato a squarciagola per circa un’ora prima di tornare di soppiatto.

E un altro:

Due membri della famiglia stavano giocando a dama cinese con i miei nonni. Mio nonno si era stufato perché mia nonna continuava a spostare i suoi pioli sulle “scale” che aveva fatto e vinto.
Così ha afferrato la tavola e l’ha gettata, con i pioli e tutto il resto, sul fuoco aperto. Non hanno mai comprato un altro set e a noi ragazzini era proibito parlarne.

Eeh, la magia delle Feste.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Parrotman, l’uomo che vuole assomigliare a tutti i costi ad un pappagallo

Gli italiani nella classifica degli utenti di PornHub e le parole più ricercate