in

Partorisce in carcere e nessuno se ne accorge

Tragedia in un carcere femminile

detox

Probabilmente ciò che accade tra le mura di un carcere non possiamo nemmeno immaginarlo, e se a volte ciò che vediamo nei film ci lascia interdetti, spesso la realtà supera la finzione.

È di qualche giorno fa la notizia che è stato reso noto un rapporto dal Prisons and Probation Ombudsman, un ente che in Inghilterra si occupa delle denunce dei detenuti, e riguardante un caso del 2019.

detoxing

Il caso

Il fatto si è svolto nel carcere femminile HMP Bronzefield ad Ashford, nel Middlesex e riguarda una detenuta di 18 anni denominata Miss A. qui giunta il 14 agosto 2019 per rapina.

Dopo una visita l’ostetrica del penitenziario ha appurato che la ragazza era incinta di 32 settimane, e che la data prevista del parto era stabilita tra il 24 settembre e il 14 ottobre.

La ragazza, che era alla sua prima detenzione, appariva come si legge sul rapporto, “triste, arrabbiata e spaventata” e aveva avuto “un’infanzia travagliata e traumatica”, inoltre “sembrava essere considerata una persona difficile e con un ‘atteggiamento negativo’ piuttosto che una diciottenne vulnerabile, spaventata dal fatto che il suo bambino fosse portato via”.

Pare infatti che abbia più volte dichiarato che si sarebbe uccisa se lo avessero fatto, parole che avrebbero spinto l’infermiera a valutare un monitoraggio continuo per evitare tragedie.

Ma la tragedia era già dietro l’angolo.

Morte in cella

È stato accertato che la diciottenne quella notte abbia provato a chiamare più volte le guardie suonando il campanello, ma che nessuno sia accorso. La mattina del 27 settembre due prigionieri hanno chiesto aiuto trovando la cella piena di sangue.

Miss A aveva partorito da sola durante la notte; per il bambino non c’è stato nulla da fare e il patologo non è riuscito a stabilire se fosse nato già morto. Una storia estremamente triste e incredibile che sia potuta succedere in un Paese civile.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Madre affitta suo figlio per guadagnare soldi

Celebra il proprio funerale per capire cosa si prova