in

Madre affitta suo figlio per guadagnare soldi

In Indonesia il grave problema dei bambini mendicanti

detox

Fa sempre effetto vedere persone costrette a mendicare per strada e rendersi conto che c’è qualcuno che non riesce a mettere un piatto a tavola. Non è infrequente poi trovare donne con bambini anche molto piccoli elemosinare un po’ di aiuto per la loro sopravvivenza.

Ma dall’Indonesia viene una storia che farà riflettere, e magari la prossima volta che vedremo un mendicante ci faremo qualche domanda in più prima di fargli la carità.

detoxing

Il bambino d’argento

Una donna è stata presa in custodia dai Servizi Sociali dopo che è stato scoperto che aveva “affittato” il suo bambino di 10 mesi ad un gruppo di artisti di strada che lo avevano dipinto d’argento per un’esibizione.

L’episodio si è svolto a South Tangerang, due ore a sud di Jakarta, e Wahyunoto Lukman, capo del dipartimento dei servizi sociali ha dichiarato come riporta il Sun:

Abbiamo seguito l’incidente dopo che una foto del bambino è diventata virale sui social media. La madre e il bambino sono stati prelevati dal ministero e interverremo e li aiuteremo. Qualunque sia la ragione dell’accattonaggio, questo è sfruttamento minorile. Valuteremo la situazione e vedremo se i genitori del bambino devono essere dotati di competenze in modo che possano trovare un lavoro migliore o se hanno bisogno di aiuto sotto forma di generi alimentari.

Bambini in strada

Purtroppo l’accattonaggio è notevolmente aumentato durante la pandemia e le autorità esortano a segnalare i casi in cui sono coinvolti bambini, soprattutto visto l’alto numero di bambini dipinti d’argento che si esibiscono come statue umane.

Il problema sta anche nella vernice utilizzata, che a quanto pare consiste in un miscuglio di polvere serigrafica e cherosene, che può essere lavato via solo con detersivo o detersivo per piatti. Contenendo diverse sostanze chimiche questa può causare anche eruzioni cutanee, prurito e infezioni della pelle, soprattutto su quella più delicata dei bambini.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’amore ai tempi delle App

Partorisce in carcere e nessuno se ne accorge