in

Le bambole reborn e il loro utilizzo tra luci e ombre

Dall’uso come terapia a quello di surrogato di maternità

detox

Non tutti le conoscono, sono bambole ma non servono a giocare, le reborn hanno sembianze di bambini veri, quasi inquietanti se vogliamo, nate per scopi terapeutici.

A seconda dal materiale utilizzato possono variare di molto con il prezzo e arrivare anche a 20mila euro. Il termine reborn indica il modo in cui sono nate, pare durante la seconda guerra mondiale in Germania quando, chiuse nei rifugi per molto tempo, le mamme pensarono di dare un nuovo aspetto alle bambole delle loro figlie, rendendole appunto molto realistiche.

detoxing

Il boom

Il loro vero boom si ebbe negli anni ’90 in America dove nacque una industria a loro dedicata, e oggi sono utilizzate anche come Doll Therapy in molti ambiti, per esempio per le persone affette da Alzheimer. Come ricorda il sito psicologi-italia:

La Reborn produce nei pazienti pensieri di dolcezza, gioia ed empatia, che aiutano a contrastare il progredire della patologia e per ostacolare il deterioramento di alcune abilità cognitive. Sembra essere indicata anche nella prevenzione / cura di stati d’ansia, condizioni di apatia e di depressione, e in tutte le difficoltà legate alla tematica emotivo – affettiva.

C’è un lato oscuro comunque, ed è questo che suscita dibattiti e dubbi:

gli acquirenti della Reborn si possono suddividere in due categorie: i collezionisti, che acquistano bambole da “curare” come particolare oggetto da ornamento e interagendo con esse come piacevole attività ludica, e coloro che adottano una Reborn come se fosse un figlio, buona parte delle quali per sostituire un figlio mai nato o morto, a volte addirittura fabbricate riproducendo il volto del bambino deceduto.

Il bambino

Image: creative commons

La cosa incredibile è che facendo un giro in rete si scoprono alcuni gruppi, spesso segreti, di donne che si accompagnano alle loro bambole reborn considerandole dei veri bambini, trattandole come tali. Spendono soldi per abiti e accessori come fossero bimbi veri, portandole in giro con passeggini e seggiolini auto, e alcune si spingono agli estremi portandole persino da dottori o preparandone il battesimo, salvo tirarsi indietro all’ultimo, solo per il gusto di provare quelle sensazioni.

Da oggi guarderete con più attenzione nei passeggini che incontrerete sulla vostra strada, vero?

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Attiva inavvertitamente una diretta mentre si accoppia col marito

Alcuni dei ponti più pericolosi e spettacolari del mondo