in

Lasciata dal suo ragazzo perché sieropositiva, scopre che il medico si è sbagliato

L’incredibile disavventura di una ragazza che ha visto la sua vita andare a rotoli inutilmente

detox

Cosa c’è di peggio che ricevere un esito negativo dopo aver effettuato una visita specialistica o degli esami del sangue? Tutti attendono la risposta in stato ansioso, soprattutto se già non si sentono molto bene. Ma cosa succede se la tua vita cambia e va a rotoli per un esito infausto, per poi scoprire che era sbagliato?

Una cattiva notizia

Esattamente quello che è accaduto ad Elisabeth, una ragazza che ha vissuto, inutilmente, momenti di disperazione dopo aver appreso di essere affetta da HIV. La ragazza ha raccontato la sua terribile esperienza sui social:

detoxing

Sono andata al mio appuntamento annuale per l’OB (visita ginecologica ndr.)  e ho ricevuto il mio screening di routine. Due giorni dopo sono stata chiamata e mi è stato detto di portare qualcuno con me per discutere i miei risultati.

Già questo fa capire che le notizie da ricevere saranno pessime, quindi possiamo solo immaginare con che animo si sarà recata all’appuntamento successivo.

E infatti continua:

Sono entrata e mi sono seduta e il mio ginecologo mi ha detto: ‘Come gestisci le cattive notizie?’ Viene subito fuori e dice: “Sei sieropositiva“.

L’ho semplicemente fissato incredula e le uniche parole che ho potuto pronunciare sono state: ‘Cosa?’ Mia madre è svenuta e hanno dovuto chiamare le infermiere per prenderla dal pavimento perché era isterica.

Il suo ragazzo, che è risultato negativo al test, poco dopo l’ha abbandonata al suo destino e alla sua disperazione.

Malata, anzi no

Ma quando in seguito si è recata ad effettuare altre visite per approfondire la gravità della situazione, ecco la sorpresa:

Passano due settimane e sono in osservazione per il suicidio… sono andata da uno specialista dell’HIV per fare altri test e lui mi dice: ‘Non ho idea del perché ti abbia detto che hai l’HIV… i tuoi risultati sono MOLTO negativi’.

Come è stato possibile? La spiegazione è presto data:

Il primo test che fai è per gli anticorpi HIV e c’è una miriade di ragioni per cui quel test tornerà reattivo non positivo. I miei risultati erano reattivi, il che significa che avrei potuto avere un virus, come l’influenza o qualcosa del genere, e lo ha innescato per essere reattivo non positivo.

Ma è qui che si ha l’incredibile, e sbagliato comportamento del suo ginecologo, come sottolinea la ragazza:

nessun test di follow-up. Mi ha mandato fuori dalla porta senza un opuscolo, nessun fo*tuto numero di telefono da chiamare… qualcuno da contattare.

Come ha osservato qualcuno nei commenti, è meglio chiedere sempre un secondo e un terzo parere!

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Un boia racconta le sue esperienze nel braccio della morte

Modella muore cadendo da una scogliera per scattare un selfie