in

In Francia 4 attori porno arrestati per stupro ad alcune colleghe

L’inchiesta partita nel 2020 ha coinvolto anche produttori e registi

detox

Tutti ricorderanno il noto movimento #MeToo nato per denunciare gli abusi ricevuti dalle donne principalmente in ambito professionale, da uomini senza scrupoli che approfittano della loro posizione privilegiata.

I casi venuti alla luce hanno fatto scalpore e hanno travolto personaggi molto famosi e insospettabili.

detoxing

Le denunce

Ebbene, quattro anni dopo la nascita del movimento, ancora alcune donne vengono allo scoperto, e quello che questa volta colpisce è l’ambito lavorativo in cui si sarebbero svolte le molestie e gli abusi.

Parliamo dell’industria del porno; sono stati presi in custodia infatti al momento 4 attori del settore accusati nel 2020 da alcune colleghe, al momento sono state identificate circa una cinquantina di vittime, tutti appartenenti allo stesso canale video amatoriale. L’anno scorso quando è partita l’inchiesta riguardava solo produttori e registi.

Come riportato dall’Huffington Francia a commentare la vicenda una attrice e regista indipendente del settore, Nikita Bellucci:

Tutti hanno un comportamento da struzzo su ciò che accade durante le riprese. Lavoriamo con l’intimità delle attrici, con gli esseri umani, dobbiamo stare attenti e non solo eseguire gli ordini. Dobbiamo smetterla di nasconderci dicendo: ‘il regista ha detto che era d’accordo, quindi lo faccio’.

I fatti

L’avvocato di alcune vittime ha aggiunto:

Ciò che è stato commesso su questi set cinematografici sono stupri e quindi ogni attore che ha partecipato a queste scene può essere accusato per questi atti di stupro aggravato, anche torture e atti di barbarie. Potenzialmente, può prendere di mira tutte le altre piattaforme pornografiche in Francia e nel mondo. Altre indagini sono state aperte in altre parti del mondo.

Penso che i casi di stupro prolifereranno, perché a volte c’è un’enorme differenza tra ciò che viene detto oralmente agli attori e ciò che accade realmente durante le riprese.

Nessuno se lo aspettava, questo è poco ma sicuro, ma non per questo le donne che fanno le attrici porno devono essere trattate diversamente dalle altre: uno stupro è uno stupro.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Uno studio cerca di spiegare perché l’odore della benzina piace tanto ad alcuni

Le sue decorazioni di Halloween sono talmente realistiche da attirare la polizia