in

Il paese dove le bambole hanno preso il posto dei residenti

Le troviamo dappertutto, in strada e dentro gli edifici

detox

Tanti paesi sono interessati dal fenomeno dell’abbandono; spesso infatti, troppo piccoli o lontani dalle grandi città, non offrono sbocchi lavorativi e per questo soprattutto i giovani si trasferiscono altrove.

Sovente chiamati paesi fantasma, alcuni diventano lande desolate dove non c’è più anima viva, altri resistono e cercano in ogni modo di ripopolare il posto. Qualcuno lo ha fatto con delle bambole a grandezza naturale. Sorpresi?

detoxing

Il paese delle bambole

Parliamo di Nagoro, un piccolo villaggio a circa 500 km da Tokyo che si era talmente spopolato da risultare tristissimo ai pochissimi rimasti; questo ha dato un’idea pazzesca ad un’ artista del luogo, tal Tsukimi Ayano che ha pensato di riportare i residenti fuggiti sotto forma di bambole. Tutte a grandezza naturale, fatte di legno e paglia, rivestite anche con abiti antichi.

Pare che l’idea le sia venuta mentre lavorava in giardino, quando ha deciso di realizzare la prima bambola a somiglianza di suo padre, alla quale sono seguite quelle con le sembianze degli altri membri della famiglia. Da allora non si è mai fermata e in ogni angolo del villaggio sono spuntate varie figure intente a compiere tutte le azioni quotidiane che una volta svolgevano gli abitanti, ridotti oggi a una trentina.

E così ecco che dove una volta c’era una scuola troviamo una classe di bambole sedute ai banchi a seguire le lezione, e altre bambole alla fermata del bus, davanti alle porte, dietro ai vetri delle finestre.

Meta turistica

Quello che potrebbe sembrare inquietante o triste in realtà, a detta di chi ha visitato il luogo, trasmette solo aria di pace. Nel frattempo infatti Nagoro è diventata meta turistica; le bambole, visibili anche con Google Street View sono arrivate quasi a 500 e impiegano praticamente tutto il tempo libero di Ayano, che organizza anche corsi per crearne una tutta nostra.

La donna infatti deve rimpiazzare spesso quelle all’esterno che si usurano, e ha avuto modo di dire che la parte più complicata è la bocca, che dà espressione al viso.

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Bue scappa e va a fare un bagno in piscina. Il video

Gli indizi per la caccia ad un vero tesoro disseminati in un libro