in

Dipendenti Alitalia si spogliano in piazza per protesta

Il flash mob contro i nuovi contratti dopo l’acquisizione di Ita Airways

detox

Spogliarsi per essere più credibili? Protestare nudi? A volte può essere necessario per dare più enfasi a ciò per cui si sta lottando. Sembra incredibile ma è accaduto proprio nella nostra Italia.

Flash mob in sottoveste

A farlo le ex hostess della nota compagnia aerea Alitalia, che tante ne ha passate negli ultimi anni, e alla fine è stata acquisita dalla Ita Airways; ed è per questo che è stato organizzato l’insolito flash mob davanti al Campidoglio.

detoxing

Il 20 ottobre le donne si sono disposte in una fila ordinata e in assoluto silenzio si sono spogliate della loro divisa rimanendo in sottoveste, in segno di protesta per il fallimento della storica compagnia di bandiera italiana avvenuto di fatto il 15 ottobre, quando Alitalia ha smesso di esistere.

In quell’occasione Alfredo Altavilla, il presidente esecutivo Ita, aveva dichiarato durante una conferenza:

La trattativa per le assunzioni è ben che finita. Sono tutti a bordo e hanno firmato il contratto che abbiamo inviato loro. Stiamo finalizzando gli ultimi. La parte assunzioni è direi alle spalle.[…] Il mio auspicio è che Ita abbia successo nel più breve tempo possibile per poter essere in grado di assorbire quante più persone possibile della vecchia Alitalia, rispettando il fatto che le assunzioni verranno fatte a mercato, come previsto dalla Commissione. Ma tutto dipenderà da come va il business.

Noi siamo Alitalia

Ma di fatto dei circa 10mila dipendenti ne sono stati assorbiti per ora solo 2800, ed è per questo che è nata la protesta. Una delle hostess in piazza ha detto, dopo il grido Noi siamo Alitalia:

Siamo venute a esprimere innanzitutto il nostro dolore. La solidarietà va a tutti i nostri colleghi che hanno chiamato in Ita e che sono stati costretti a firmare un contratto aziendale umiliante e mortificante.

Pare infatti che i contratti prevedano forti decurtazioni degli stipendi e la rinuncia a scatti di anzianità e diritti acquisiti. Questo perché Ita, controllata al 100% dallo Stato, ha deciso di non applicare il contratto collettivo del settore.

 

Scritto da Nunzia G.

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Alcuni turisti di un parco faunistico attaccati dalle tigri. Il video

Una bimba di sei mesi è stata soffocata all’asilo perché piangeva troppo